Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Non si fermano le notizie di truffe che riguardano le agevolazioni fiscali del Superbonus 110.

È freschissimo il sequestro di 13 milioni di euro avvenuto a Siracusa da parte della Guardia di Finanza, importo corrispondente al valore di beni immobili e di crediti fiscali fittizi relativi a due contratti di compravendita immobiliare stipulati da due coniugi, nel periodo 2020 – 2021.

In questo caso è stato davvero “fatta la legge, trovato l’inganno”; operazione resa possibile, nel considerevole ammontare, dall’aver usufruito della possibilità di ottenere l’ammontare massimo per unità immobiliare previsto dal Superbonus 110% di 96.000 euro per unità immobiliare, grazie al frazionamento e all’avallo di specialisti del settore.

In sostanza, da due ruderi con terreno annesso, i coniugi avrebbero realizzato un resort wellness & Spa di lusso, composto da appartamenti, un grande albergo, un’area multifunzionale, un ristorante e un centro benessere, mediante la costituzione di 118 nuovi subalterni rispetto ai 4 originari, con l’unico scopo di avere i potenziali massimi benefici.

Ma non era troppo lontana, parliamo del 12 aprile scorso, la notizia del sequestro di oltre 1,9 milioni di euro, riguardanti crediti fiscali fittiziamente maturati sempre in ambito Superbonus 110, da parte della Procura di Aosta.

La virata in ottica di restrizioni ha portato a sgonfiare la bolla del Superbonus con fatture che sono passate, con l’impennata di dicembre 2023 di 54 miliardi di euro, a 19 miliardi di euro a febbraio 2024.

Intanto, sono in corso vari emendamenti da parte dei partiti politici al disegno di legge di conversione del D.L. 39/2024, con l’obiettivo di “spalmare” i crediti edilizi in 10 o addirittura 15 anni per le spese Superbonus effettuate a partire dal 1° gennaio 2023, e di estendere l’opzione di cessione del credito fino al 31 dicembre 2025 per gli interventi incentivati con il bonus per la rimozione delle barriere architettoniche. Da una parte si vorrebbe venire incontro al contribuente medio, dall’altra fare in modo che sia contenuto l’impatto sui conti pubblici.

Ma la riflessione che mi sento di fare è quella di aver ancora una volta perso l’occasione preziosa di rendere circolabili i crediti fiscali, finanziando l’economia reale per lo sviluppo e per una migliore crescita economica. A causa di comportamenti illeciti, di una mancanza di valore chiamato “Bene comune”, di una “non visione” di quanto e come il corretto scambio dei crediti fiscali all’interno del sistema economico, potesse costituire un precedente per l’introduzione di una moneta complementare, funzionante e utile al cittadino e alle aziende. Costituendo liquidità a tutti gli effetti da immettere nel ciclo virtuoso dell’economia reale.

Dobbiamo constatare che, in pochi, i soliti “più furbi “e “più forti” hanno beneficiato per primi, arricchendosi alle spalle dei cittadini onesti e togliendo la possibilità concreta di fare in modo che un eventuale impatto negativo sui conti pubblici avesse l’alternativa del benessere economico dei cittadini.

Così diventa facile affermare che la manovra del Superbonus non è più sostenibile.

Certo, ma al motivo di aver fatto male i conti inizialmente, e di questo se ne farà carico chi dovrebbe agire a tutela delle persone, dobbiamo avere l’onestà intellettuale di aggiungere che non è a causa del fatto che lo strumento possa essere efficace, ma dei comportamenti individuali.

Il resto è volontà politica.

Maria Luisa Visione

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui