Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


I consigli e il supporto psicologico dato ad un malato che ha già scelto di ricorrere al suicidio assistito, non bastano per il reato di istigazione al suicidio. La Cassazione ( sentenza 17945) ha depositato le motivazioni con le quali ha annullato con rinvio la condanna, a tre anni e quattro mesi, inflitta a Emilio Coveri, presidente di Exit Italia, dalla Corte d’Assiste d’Appello a giugno 2023. La vicenda riguarda la morte, avvenuta in Svizzera nel 2019, della 47enne Alessandra Giordano. Un’insegnante affetta da una nevralgia cronica rara, la sindrome di Eagle, molto dolorosa che l’aveva portata alla depressione e che le provocava gravi sofferenze. La Corte d’assise d’appello aveva disposto per Coveri anche la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e il risarcimento danni per le parti civili costituitesi in giudizio, cinque familiari della donna. Secondo la tesi della pubblica accusa, accolta dai giudici di appello, il presidente di Exit Italia avrebbe fornito “un contributo causale idoneo a rafforzare il proposito al suicidio”. Una conclusione raggiunta valorizzando i contenuti delle conversazioni tra la Giordano e Coveri pubblicati dallo stesso imputato nel sito dell’associazione.

I numerosi conttati telefonici

Telefonate nel corso delle quali la Giordano informava il presidente di Exit Italia, sull’avanzamento della proceduta avviata con la clinica Dignitas e lo ringraziava per il supporto e i consigli ricevuti, nel corso di numerosi contatti che risultavano dai tabulati. Per i giudici territoriali bastava a dimostrare che l’imputato aveva influenzato la donna e ne aveva rafforzato la volontà. C’era dunque la condotta tipica del reato di istigazione al suicidio previsto dall’articolo 580 del Codice penale. Una lettura che, ad avviso della Suprema corte, rischia “di dilatare oltremodo il perimetro oggettivo della fattispecie fino a ricomprendere qualsiasi condotta umana che abbia comunque suscitato o rafforzato l’altrui volontà suicidiaria, comunque liberamente formatasi”.

Le opinioni personali favorevoli alla morte assistita

Per la Cassazione l’imputato, al vertice di un’associazione impegnata a promuovere una “cultura di dignità della morte”, aveva espresso le sue opinioni personali, favorevoli ad una morte assistita, preferibile ad una vita di sofferenza. Troppo poco per sostenere che il suo fine fosse quello di indurre la donna a decidere di morire, coartando la sua volontà con una modalità considerata “subdola”. La Cassazione conclude dunque che “è evidente come i giudici di merito abbiano cercato surrettiziamente di configurare in capo al Coveri una sorte di posizione di garanzia nei confronti di coloro che si rivolgono all’associazione da lui presieduta, in ragione della quale non gli sarebbe lecito manifestare le proprie opinioni generali sul fine vita, dovendosi invece fare carico della plausibile situazione di fragilità psicologica dei propri interlocutori, se non addirittura dissuaderli dai loro propositi”. Gli ermellini prendono le distanze dall’automatismo soggetto fragile e dunque influenzabile, a fronte della prova di una scelta, da parte della Giordano, già fatta tanto da mettersi in contatto con Exit Italia, perché la indirizzasse ad una struttura idonea per assisterla nella sua decisione di porre fine alla vita.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui