Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Cinque bonus affitto nel modello 730/2024 sulla prima casa per altrettante categorie di beneficiari: importi e compilazione dichiarazione dei redditi.

Giovani, studenti fuori sede, persone a basso reddito: sono alcune delle categorie di contribuenti che hanno diritto alla detrazioni dell’affitto nel modello 730/2024.

Si tratta di agevolazioni fiscali applicabili a specifiche categorie di locatari in relazione alla sola abitazione principale: a seconda della diversa tipologia di beneficiari, infatti, cambia l’importo dell’agevolazione.

Vediamo dunque una breve guida ai bonus affitto in dichiarazione dei redditi, con le diverse casistiche e le istruzioni.

Cinque agevolazioni per l’affitto nel 730/2024

Sostanzialmente, sono cinque i casi in cui sono previste detrazioni sull’affitto della prima casa. Le detrazioni non sono tra loro cumulabili, ma il contribuente ha la facoltà di scegliere quella a lui più favorevole.

Se nel corso dell’anno il contribuente si trova in situazioni diverse, può beneficiare di più detrazioni per periodi diversi.

Inquilini a basso reddito a canone libero

Per chi vive in affitto è prevista la detrazione parziale del canone di locazione. La detrazione spetta a redditi complessivi sotto i 30mila 987 41 euro. Nel dettaglio, è pari a:

  • 300 euro se il reddito complessivo non supera 15mila 493,71 euro
  • 150 euro per redditi fra 15mila 493,71 e 30mila 987,41 euro.

Inquilini basso reddito a canone concordato

Per chi vive in affitto con contratto a canone concordato, spetta la medesima agevolazione ma con importi diversi.

La detrazione è pari a 495,80 euro, se il reddito complessivo non supera 15mila 493,71 euro e 247,90 euro, mentre se il reddito è fra 15mila 493,71 e 30mila allora la detrazione sale fino a 987,41 euro.

Giovani fino a 31 anni

Per i giovani che vanno a vivere da soli stipulando un regolare contratto, è prevista una detrazione di 991,60 euro, oppure (se la cifra è più alta) del 20% del canone annuo, non può comunque superare i 2mila euro. In pratica: se il 20% del canone annuo è superiore alla misura standard di 991,61 euro, l’inquilino potrà portare in detrazione il 20% di canone anziché 991,61 euro, fino comunque a 2mila euro).

Pr fruire dell’agevolazione, è necessario che l’immobile sia adibito a residenza; che il contratto venga stipulato prima del compimento dei 31 anni e che l’immobile affittato sia diverso dalla prima casa dei genitori.

La detrazione spetta nei primi quattro anni di stipula del contratto.

Studenti fuori sede

La detrazione spetta nella misura classica del 19% su un importo massimo di spesa pari a 2.633 euro, corrispondente ad una detrazione massima di 500 euro.

L’agevolazione per l’affitto fuori sede degli studenti (compresi i contratti di ospitalità e quelli presso studentati) non si applica soltanto agli iscritti all’Università ma anche a coloro che frequentano istituti tecnici superiori (ITS) e Conservatori di Musica distanti oltre 100 km dalla residenza o nel caso comprovato in cui ci sia un’oggettiva difficoltà a percorrere in tempi quotidiani la distanza tra sede di studio e comune di residenza (questo, sempre che il contratto di locazione sia sottoscritto nel Comune in cui è ubicato l’istituto frequentato, pubblico o privato).

Occhio ai requisiti però: secondo l’Agenzia delle Entrate, la verifica della distanza oltre i limiti accettabili deve essere effettuata caso per caso. Inoltre, non si ha diritto alla detrazione nel caso in cui il reddito familiare sia superiore a 240.000 euro, che è la regola generale per la gran parte delle agevolazioni nel 730.

=> Bonus Universitari Fuori Sede: a chi spettano i 500 euro

Cambio residenza per lavoro

L’agevolazione per l’affitto conseguente ad un cambio di residenza per motivi di lavoro è pari a 991,60 euro se il reddito complessivo non supera i 15.493,71 euro, mentre scende a 495,80 euro se il reddito è compreso tra i 15mila 493,72 e i 30mila 987,41 euro. I requisiti:

  • essere titolari di contratto di lavoro dipendente;
  • avere trasferito la residenza nel Comune di lavoro o in uno di quelli limitrofi distante almeno 100 km e in una regione diversa.

La detrazione spetta per i primi tre anni dal trasferimento, conservando il contratto di locazione registrato, il contratto di lavoro oppure la CU, autocertificazione nella quale si attesti la residenza e che l’immobile è utilizzato come abitazione principale.

=> Detrazione affitto per trasferimento di lavoro

Detrazioni Affitto nel 730: come si compila il modello

La detrazione per gli studenti fuori sede si inserisce nella sezione del modello 730/2024 dedicata alle detrazioni al 19%, ovvero la prima del quadro ESpese per le quali spetta una detrazione d’imposta del 19%, 26%, 30%, 35% o 90%“. Il bonus si indica nei righi dedicati alle “altre spese“, da E8 a E10. Indicando il codice “18“.

In relazione alle altre quattro detrazioni, il contribuente le indica nel rigo E71 o E72 della SEZIONE V – Detrazione per gli inquilini con contratto di locazione”, del modello 730/2024. Utilizzando il codice relativo alla propria fattispecie.

Nel rigo E71 si inseriscono i dati relativi a inquilini che hanno diritto all’agevolazione in base al reddito, per canone libero o concordato e giovani under 31, mentre il rigo E72 è riservato al caso dei lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro.

Nel rigo E71, alla casella Tipologia bisogna indicare i seguenti codici:

  • canone libero: codice 1;
  • canine concordato: codice 2;
  • giovani: codice 3.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui